Pubblicità chiude il 2016 con successo, registrando un trend in crescita decisamente positivo. La raccolta della concessionaria per l’anno appena concluso è infatti pari a 700 milioni di euro e segna un +7,8% rispetto al 2015, che corrisponde al doppio dell’ultima stima Nielsen del mercato. pag. 8 Rai Pubblicità chiude il 2016 con successo, registrando un trend in crescita decisamente positivo. La raccolta della concessionaria per l’anno appena concluso è infatti pari a 700 milioni di euro e segna un +7,8% rispetto al 2015, che corrisponde al doppio dell’ultima stima Nielsen del mercato pubblicitario 2016 (+3,2%). A pochi giorni dall’inizio della 67ma edizione del Festival di Sanremo, uno degli eventi di palinsesto più caldi per la televisione italiana, la concessionaria guidata da Fabrizio Piscopo archivia quindi con soddisfazione un anno ricco di grandissima qualità e ottimi risultati. Nel corso del 2016, Rai Pubblicità ha saputo, infatti, affiancare ad un’eccellente proposta editoriale delle offerte com merciali declinate su tutte le piattaforme e assolutamente crossmediali, capaci di garantire agli investitori un presidio totale e la possibilità di raggiungere il proprio target di riferimento ovunque si trovi e in qualsiasi momento. Forte di un anno di valore e qualità assoluti, in cui tutti i mezzi della concessionaria hanno ottenuto un risultato positivo e migliore della media del mercato, in particolare la tv che ha realizzato una performance pari al doppio di quella del principale competitor, Rai Pubblicità si prepara quindi ad alzare ufficial mente sipario sul 2017 con il Festival di Sanremo, che nel contesto delle comunicazioni commerciali è considerato l’offerta delle offerte, paragonabile a quello che negli States è il Superbowl.

Fonte: Publicomnow