Dopo Mediaset anche la Fininvest si prepara a chiedere al Tribunale di far rispettare a Vivendi il contratto siglato ad aprile per la cessione di Premium. Il ricorso dovrebbe essere depositato oggi, o al più tardi domani, al Tribunale di Milano, a cui la scorsa settimana si era rivolta Mediaset presentando una richiesta di danni da 50 milioni di euro al mese oltre all’esecuzione forzata dell’accordo.

Fininvest agisce a tutela dei propri interessi sia come azionista di controllo del Biscione sia come firmatario di un accordo parasociale con la media company francese, in cui erano stati stabiliti vincoli e diritti dell’alleanza tra Cologno e Parigi. Alleanza che a fine luglio Vivendi ha chiesto a sorpresa di rinegoziare dopo aver effettuato verifiche sui conti e sul business plan di Mediaset Premium. La richiesta però è caduta nel vuoto: non solo la famiglia Berlusconi ha rifiutato qualsiasi proposta alternativa ma ha chiesto per tutta risposta ai francesi di onorare subito il contratto, per poi rivolgersi al Tribunale. Non è tuttavia con le carte bollate che Mediaset e Vivendi intendono chiudere la faccenda.

Parallelamente al lavoro dei legali sono in corso manovre per arrivare a una soluzione che possa salvaguardare l’accordo industriale tra il gruppo della famiglia Berlusconi e Vincent Bolloré. Nei giorni scorsi le voci hanno parlato di un possibile coinvolgimento di Telefonica, che ha l’11% di Premium, nell’operazione o della possibilità, subito smentita, che possa essere Telecom Italia a prendere una quota della pay-tv del Biscione, a fianco dei francesi che sono anche i primi azionisti del gruppo telefonico. Mediobanca starebbe lavorando per definire una soluzione e tra le ipotesi sul tavolo ci sarebbe anche l’ipotesi di un terzo investitore – potrebbe essere un fondo – a fianco di Mediaset e Vivendi, almeno in una prima fase, a cui girare una quota di minoranza della pay-tv. Giovedì 25 agosto Vivendi riunirà il board per l’approvazione dei conti trimestrali e in quell’occasione potrebbe deliberare la nuova offerta da presentare a Mediaset per riprendere la trattativa.

Fonte: Corriere della Sera