L’obiettivo di Netflix è quello di estendere il proprio servizio in 200 Paesi esteri entro la fine del 2016. Al momento, gran parte dei dei ricavi extra Usa sono generati da Canada e Uk, il primo e il terzo dei Paesi stranieri dove è approdato Netflix, rispettivamente nel 2010 e nel 2012. Secondo la società SNL Kagan il terzo Paese come basi di abbonati è il Brasile, mentre la nazione che ha registrato la crescita più significativa, alla fine del 2014, è l’Olanda. Ma il target del business extra Usa per Netflix è, ora, quello di rendere la divisione internazionale profittevole (le perdite nel 2014 si attestavano sui 159 milioni di dollari e i primi dati dell’anno evidenziano una tendenza al miglioramento): un obiettivo che, sempre secondo Kagan, può essere centrato nel 2017.

Fonte: e-duesse