La crescita sarà trainata dalla banda larga secondo l’ultimo rapporto di It Media Consulting. Dopo anni di continua discesa, a partire dal 2016 il mercato televisivoitaliano dovrebbe vedere la ripresa. E’ quanto evidenzia l’ultimo rapporto della società di ricerche It Media Consulting, focalizzato sul triennio 2014-2016, secondo cui a fine periodo si rivedrà il segno più nei ricavi, trainati dalla diffusione della Broadband Tv, connessa a Internet, che inizierà a crescere. Il rapporto specifica che nel 2014 il mercato tv risente della lunga coda della crisi economica e perde complessivamente 213 milioni di euro rispetto all’anno precedente. Nel 2015, però, la discesa dei ricavi dovrebbe arrestarsi e a fine 2016 il mercato – secondo le previsioni – sarà cresciuto a una media annua del 2,6%. La pubblicità risentirà ancora della difficile congiuntura economica e si riprenderà a partire dal secondo semestre 2015, registrando nel periodo un aumento medio del 2,3%, grazie anche alla componente online broadband.

Nel 2014 Mediaset, Rai e Sky Italia si spartiscono ancora la quasi totalità del mercato con una quota del 94%, in calo di un punto percentuale nel corso del triennio considerato.Sky Italia, pur confermandosi ancora il principale attore, vede ridursi il divario da Mediaset e Rai. Mediaset sorpassa Rai e ritorna secondo operatore.

Nella pay-tv Sky rimane il principale operatore, ma perde quote di mercato, soprattutto a vantaggio di Mediaset Premium. Cresce la componente altri operatori, che registrano una crescita media superiore al 10%, confermando un trend manifestatosi negli anni precedenti. La7 e Discovery Italia insieme rappresentano circa 2/3 dei ricavi degli altri operatori. Discovery Italia diventa il quarto operatore dopo Sky Italia, Mediaset e Rai.

Fonte: Brand News Today