La cessione di Premium al gruppo francese Vivendi libera un po’ di risorse che Mediaset potrà dedicare a rafforzare i palinsesti delle sue reti generaliste, in primis Canale 5, un po’ in sofferenza negli ultimi mesi e troppo carico di film e telenovelas. Gli ascolti, infatti, sono calati, con quasi due punti di share lasciati sul campo dall’ammiraglia da un anno all’altro, e circa un punto perso complessivamente da Italia Uno e Rete 4. La raccolta pubblicitaria Mediaset, invero, ha risentito meno di questa flessione e, anzi, si dimostra in salute con un +10% in aprile e un +7-8% complessivo nel primo semestre 2016 rispetto allo stesso periodo 2015. Tuttavia è necessario preservare i gioielli di famiglia dalla concorrenza. E un bel malloppo di milioni di euro verrà investito nella fiction, tasto dolente di Mediaset nelle ultime stagioni e comparto nel quale Canale 5 è stato letteralmente stracciato dalla Rai, perdendo circa un milione di telespettatori medi rispetto agli anni precedenti. Ci sarà, poi, più intrattenimento, genere (costoso) che però a Cologno Monzese da sempre hanno dimostrato di saper maneggiare con maestria: dal Grande Fratello Vip condotto da Ilary Blasi al ritorno di Zelig con Christian De Sica e Michelle Hunziker, passando per lo show con Gianni Morandi o il Tu si que vales guidato da Belen Rodriguez e Francesco Sole. Oltre, ovviamente, alle confermatissime macchine da guerra di Antonio Ricci, Maria De Filippi ( C’è posta per te, Amici, ecc), Gerry Scotti e Paolo Bonolis. In più si porterà un po’ di show pure su Italia Uno, dove le Iene (in palinsesto alla domenica) verranno affiancate anche dal programma di Simona Ventura (sei puntate in prima serata) e da quello di Alvin in prime time. Su Rete 4 torneranno le star Paolo Del Debbio e Gianluigi Nuzzi con Quinta Colonna e Quarto Grado, e si investirà molto pure su Iris, trattandola come quarta rete generalista di Mediaset: rete che negli ultimi mesi ha fatto veri e propri miracoli di ascolto (medie dell’1,7% di share in prima serata) a costi di palinsesto pari a circa un decimo di quelli di Tv8 di Sky. Non ci sono, a dirla tutta, novità pazzesche da segnalare immersa in una dimensione europea, impegnata nelle offerte continentali di pay tv in streaming e di produzioni dal respiro internazionale, si potrà vedere meglio solo a partire dal 2017. La Champions league di calcio, comunque, rimane una esclusiva Mediaset fi no al 2018. © Riproduzione riservata nella prossima stagione televisiva di Cologno Monzese: arriva la Ventura, che ormai ha collaborato con tutti gli editori televisivi negli ultimi due anni, e c’è il debutto di Nicola Porro alla conduzione del nuovo approfondimento giornalistico di seconda serata, poiché Matrix viene cancellato e il suo precedente conduttore, Luca Telese, dirottato su programmi di inchiesta. Il vero passo della nuova Mediaset, alleggerita dal peso di Premium,

Fonte: Italia Oggi