“Se mi lasci non vale”, “La cena di Natale”, “Che vuoi che sia”, “Lolo”, “Bad moms”, “The Neon Demon” e “Blinky Bill”: sono i principali titoli usciti nelle sale lo scorso anno e prodotti da Lucisano Media Group. Il gruppo, che ha appena approvato la chiusura di bilancio, con il margine operativo lordo in crescita di oltre il 30% e un risultato netto che sale del 10%, è una star del listino, grazie ai primi successi al botteghino di ” Beata Ignoranza”, film del regista Massimiliano Bruno prodotto dalla controllata Italian International Film (IIF) insieme Rai Cinema e 01 Distribution. Nel primo fine settimana di programmazione nelle sale italiane, secondo i Cinetel, la pellicola ha incassato 1,2 milioni di euro piazzandosi al secondo posto dopo The Great Wall . L’andamento al botteghino ha fatto scattare il balzo del titolo sull’Aim Italia dove le Lucisano sono quotate dall’estate 2014. Lucisano Media Group (LMG.IM) è la società che controlla tutte le attività di produzione cinematografica e di gestione sale cinematografiche della società, fondata da Fulvio Lucisano nel 1958 e oggi guidata da Federica Lucisano. Per quanto attiene l’esercizio delle sale cinematografiche, i risultati del 2016 del Gruppo evidenziano, complessivamente, un aumento delle presenze dell’8,50% e degli incassi del 5,30%, entrambe le percentuali superiore di circa il 2% rispetto all’andamento registrato a livello nazionale. Sempre al listino delle Pmi dà segni di dinamismo un’altra società di distribuzione e produzione cinematografica, Notorious Pictures, presente in questo momento nelle sale con “La marcia dei pinguini – Il richiamo”.

Fonte: la Repubblica – Affari&Finanza