Mercoledì 23 gennaio su Rai1 in prima serata andrà in onda la docufiction “Figli del destino”. Quattro giovanissimi attori (Chiara Bono, Lorenzo Ciamei, Catello Alfonso Di Vuolo, Giulia Roberto) interpretano le tragiche adolescenze di altrettanti bambini ebrei, cacciati dalle scuole a causa delle leggi razziali del 1938: Liliana Segre a Milano, Tullio Foà a Napoli, Lia Levi a Roma e Guido Cava a Pisa.

La docufiction segue le storie dei quattro protagonisti durante la persecuzione, e nel caso di Liliana Segre anche il campo di concentramento, la morte del padre e il doloroso ritorno a una vita quanto più possibile normale.

“Figli del destino” è diretta da Francesco Miccichè e Marco Spagnoli, e prodotto da Red Film in collaborazione con Rai Fiction. L’idea è del produttore di Red Film Mario Rossini, che al Corriere della Sera ha dichiarato: “Ho spesso pensato negli anni, da genitore, quanto dev’essere stato doloroso per quei padri e quelle madri aver dovuto dire ‘ tu da domani non vai più a scuola perché sei di religione ebraica’. Da lì è partito tutto. Dalla stretta al cuore che provavo come padre, dal pugno allo stomaco che avvertivo”.