APT, l’Associazione Confindustriale dei produttori di fiction, intrattenimento leggero e documentari, tornata la settimana scorsa da una missione in Cina al seguito del Governo italiano, tesa a stabilire una collaborazione permanente tra i due Paesi, dichiara di aver trovato una grande apertura verso la creatività italiana e un forte interesse a promuovere e incrementare gli scambi da parte delle emittenti e dei produttori cinesi incontrati a Pechino e a Shanghai.

APT ritiene di fondamentale importanza far sentire agli interlocutori l’attenzione costante del Governo italiano, per fornire una cornice di forte stabilità, che risulta indispensabile, sia per le loro che le nostre imprese. La delegazione, guidata dal Sottosegretario alle Comunicazioni Giacomelli e alla presenza di Antonio Funiciello del Dipartimento editoria della Presidenza del Consiglio, era tra gli altri composta, oltre che dal Presidente APT Follini, dal Presidente dei distributori ANICA Occhipinti e dal Presidente Univideo Ferrari Ardicini, da rappresentanti della RAI, ritenuta partner ineludibile dalle emittenti cinesi incontrate.

Abbiamo ovviamente trovato – dichiara Marco Follini  molte differenze culturali, ma anche affinità tra i due Paesi, e soprattutto un grande interesse dei media incontrati per compiere significativi passi avanti sul terreno della collaborazione per lo sviluppo di progetti di coproduzione e per la produzione e l’acquisto di serie tv, documentari e format televisivi.”