Si è chiuso con numeri positivi l’edizione 2018 del Mia, Mercato Internazionale Audiovisivo, che per cinque giorni ha portato a Roma i leader dell’industria mondiale del settore. Alla manifestazione hanno preso parte più di duemila operatori da 50 Paesi, con un aumento del 15% rispetto allo scorso anno del numero complessivo di accrediti.
Equivalente anche l’incremento di operatori internazionali, con una crescita della partecipazione spontanea dell’industria straniera, i cui operatori corrispondono al 30% del totale dei partecipanti internazionali, nonchè della presenza americana (che è aumentata del 180%) e degli incassi da accrediti, che hanno raggiunto il 35% (segnalando il crescente investimento degli operatori nel Mia).

Il Mercato romano registra inoltre 125 proiezioni di mercato, circa 400 buyer, 4 vetrine di anticipazioni esclusive dedicate ai film, alle serie televisive e ai documentari del prossimo anno; 58 progetti per il pitching forum da 21 paesi di film, serie drama e documentari ancora in fase di sviluppo, oltre 30mila meeting in 4 giorni e circa 40 dibattiti e incontri.

In crescita anche i numeri social del Mia, con 110.8K di visualizzazioni complessive su Twitter, oltre 35mila su Facebook e più di 30mila impression su Instagram. Il sito del Mia ha inoltre registrato oltre 21mila visualizzazioni, di cui il 34,5% proveniente da nuovi utenti.

“Un mercato”, spiega Lucia Milazzotto, direttore editoriale del Mia, “cresciuto molto rapidamente da tutti i punti di vista”. “Siamo soddisfatti del risultato di quest’anno”, prosegue Milazzotto, “che è frutto di una visione strategica precisa e condivisa con tutto il comparto industriale e creativo”. Mia si è confermata una formula vincente per un mercato nuovo e convergente a servizio dell’industria globale per un risultato importante in termini di posizionamento nel panorama internazionale”.

“Il Mia, Mercato Internazionale dell’Audiovisivo di Roma, progetto voluto da Anica e Apt e diretto egregiamente da Lucia Milazzotto, è un grandissimo successo”, spiega Francesco Rutelli, presidente di Anica. “Le presenze di operatori internazionali interessati ai prodotti italiani e attente alle nostre creazioni sono in crescita costante”, conclude Rutelli, “quest’anno hanno superato tutte le aspettative. La costruzione di nuove partnership commerciali è molto promettente”.

“La quarta edizione del Mia”, spiega Giancarlo Leone, presidente di Apt, “si è dimostrata un veicolo molto importante per la qualificata presenza del prodotto italiano sul mercato internazionale. Per quanto riguarda il prodotto audiovisivo, e in particolare la serialità, sono stati presentati ai potenziali buyers e coproduttori progetti in fase di realizzazione per un valore complessivo superiore ai 300 milioni di euro”. Il presidente di Apt conclude poi affermando che si tratta di un valore molto importante per l’industria dell’audiovisivo, che troverà moltiplicatori di investimenti importanti per consolidare il successo del nostro prodotto in Italia e nel mondo.

Consenso anche dagli operatori presenti alla manifestazione: “Credo sia molto importante che gli europei si riuniscano tutti insieme per parlare dei modi in cui possono raccontare le storie, generare co-produzioni e condividere i finanziamenti”, commenta la produttrice Elizabeth Karlsen, mentre secondo l’italiano Andrea Occhipinti “il Mia sta diventando sempre più accattivante per personaggi interessanti di cinema e televisione e può essere un’ottima piattaforma per progetti nati in italia”.

“In altri mercati internazionali si fa solo la compravendita del prodotto, al Mia si fa molto trendsetting il che è molto importante” sottolinea Walter Iuzzolino.

Il Mia è ideato, realizzato e prodotto da un Raggruppamento Temporaneo di Impresa di Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali) e Apt (Associazione Produttori Televisivi), ed è finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e Ice – Agenzia per l’Internazionalizzazione delle industrie italiane, con il contributo del Ministero per i beni e le attività culturali, della Regione Lazio, e dal Programma Media. Tra i partner del Mercato Audiovisivo vi sono Lazio Innova, Roma Lazio Film Commission, Fondazione Cinema per Roma, Apulia Film Commission, British Film Institute (Bfi), British Council e l’Ambasciata Inglese a Roma, Viacom, Laura Biagiotti, True Colours, con la collaborazione di European Producer Club, Europa Distribution, Unifrance, l’ambasciata di Francia e Alice nella città.

Fonte: Prima Comunicazione