Più della metà di tutti i televisori del mondo (1,4mld) riceve il segnale digitale, era appena il 30% nel 2008. Lo conferma lo studio “Measuring the Information society 2013” dell’Itu (Unione internazionale delle telecomunicazioni), presentato in occasione del World Television Day. Nel mondo industrializzato le famiglie dotate di tv con segnale digitale sono l’81%, ma il digital switch over procede rapidamente anche nei Paesi in via di sviluppo, dove il numero di case che riceve la tv digitale è quasi triplicato tra il 2008 e il 2012, raggiungendo il 42%. Secondo l’Itu, inoltre, il numero di abbonamenti alla pay tv nel mondo è cresciuto del 32% nei quattro anni considerati, superando la tv gratuita già nel 2011. A fine 2012 si contava un totale di 728mln di abbonamenti alla pay tv, il che vuol dire che il 53% di tutte le case con un televisore ha un abbonamento. Il report evidenzia anche che le tradizionali piattaforme tv multicanale, come quelle del cavo e del satellite Dth (direct-to-home) subiscono sempre di più la concorrenza dei servizi di IpTv e dei canali Dtt. In particolare, gli abbonamenti totali all’IpTv sono aumentati di quattro volte, pur rappresentando ancora solo il 5% nel 2012 dello share totale nelle famiglie con una tv. Nel contempo, diventa sempre più seguita la tv trasmessa su internet, in particolare attraverso gli over-the-top (Ott) come YouTube, Netflix e la cinese PPLive che forniscono contenuti audio-video; cresce anche il successo delle emittenti tradizionali che hanno cominciato a offrire l’online streaming o il downloading di contenuti televisivi e video.

Fonte: e-duesse

Leave a reply