Anna Maria Tarantola ha ottenuto ieri il parere favorevole della Commissione di Vigilanza Rai ed è ora  Presidente della Rai a tutti gli effetti (i voti favorevoli sono stati 31 su 40). Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha fatto gli auguri alla neo-presidente per l’elezione «con un mandato altamente impegnativo nell’interesse generale del servizio pubblico e del Paese». Anna Maria Tarantola ha ringraziato il Capo dello Stato, il Presidente del Consiglio, i Presidenti di Camera e Senato, il Cda della Rai e i componenti della Vigilanza «per la fiducia accordatami». «Nell’affrontare questo impegnativo e delicato incarico – sottolinea il neo-presidente Rai – ho ben presente la speciale natura dell’azienda Rai che le viene dall’essere servizio pubblico, condizione questa che richiede una particolare cura alla qualità del prodotto, alle competenze, alla cultura. Intendo esercitare tale mandato con equilibrio, indipendenza e trasparenza». Per Sergio Zavoli, Presidente della Vigilanza, «da oggi la Rai e il servizio pubblico sono una realtà diversa». Resta però ancora aperta la questione delle deleghe da affidare a Tarantola (la richiesta iniziale di Monti era di affidare al nuovo presidente potere di firma sui contratti fino a 10 milioni di euro e la libertà di nominare i dirigenti non giornalistici di prima e seconda fascia) che ora approderà nel Consiglio di Amministrazione Rai. E l’operazione non si annuncia comunque semplice proprio perché manca ancora un accordo di fondo.

Fonte: rielaborazione APT da Il Sole 24 Ore

Leave a reply