Secondo quanto si legge oggi su Repubblica, la Rai ha perso tra il 2006 e il 2010 quasi 260 milioni di euro, malgrado gli ultimi tagli ai costi. La nota più dolente è la pubblicità: nel 2000 le entrate pubblicitarie della tv pubblica erano pari al 60% di quelle di Mediaset, oggi siamo scesi al 40% con 250 milioni di spot andati in fumo dal 2006 al 2010.

Altro dato preoccupante è quello sull’evasione del canone: le ultime stime dicono che quasi un terzo degli italiani non lo paga.
A fronte di questi dati in decrescita costante il miracoloso pareggio di bilancio del 2011 potrebbe non evitare ulteriori tagli nel corso del 2012.

Fonte: rielaborazione APT da MF-DJ

Leave a reply