Non ho mai proposto una legge per vietare il fumo nei film e nelle serie tv. Chiedo però a registi e scrittori di incontrarsi con noi per trovare insieme il modo di dare messaggi positivi ai giovani“. Il Ministro alla Salute Beatrice Lorenzin risponde così alla lettera aperta di Paolo Sorrentino, Gabriele Salvatores, Niccolò Ammanniti, Francesca Archibugi e tanti altri, pubblicata da Repubblica. Insiste sulla necessità di diffondere modelli che allontanino in particolare i giovani da alcol, droga e fumo, ma sottolinea anche la libertà dell’arte di esprimersi come vuole. Non è ammessa alcuna censura in questo campo, dice. Il ministro ha tuttavia sottolineato la responsabilità degli artisti su questo tema: “Da anni è dimostrato come cinema e fiction televisiva siano in grado di promuovere immagini forti, positive e negative, che vengono assorbite dalle nuove generazioni. Senza alcuna intenzione di limitare la creatività degli artisti, perché ognuno fa come vuole, mi chiedo se c’è una strada per veicolare anche messaggi che producano un effetto positivo”.

 

Fonte: La Repubblica