La Rai e la Ugl (Unione generale del Lavoro) hanno raggiunto un accordo per la stabilizzazione di oltre 1600 lavoratori precari, oggi impiegati nell’azienda. Lo ha annunciato, Stefano Conti,  il segretario nazionale di Ugl Telecomunicazioni, che ha definito storico l’accordo siglato con la tv pubblica: entro il 2017 verranno stabilizzati tutti gli impiegati che al 30 giugno hanno lavorato a tempo determinato per 1095 giorni nonché gli impiegati che hanno accumulato almeno 300 giorni continuativi di lavoro. Inoltre, ogni anno la Rai dovrà verificare in maniera automatica tutti coloro che raggiungeranno il picco dei 1095 giorni, assumendoli fino a esaurimento.
E, per finire, l’accordo prevede anche l’introduzione dell’apprendistato come nuovo metodo di reclutamento, soluzione che dovrebbe garantire maggiore meritocrazia e trasparenza nelle assunzioni.

Fonte: rielaborazione APT da E-Duesse