Si stima per l’Italia un bacino di utenti per le internet Tv da uno o due milioni alla fine del 2014. In Europa il settore video e Tv da internet vale già 480 milioni di euro (+60% all’anno) e nel 2016 arriverà a due miliardi, prevede ITMedia Consulting. “Il traino sarà il video-on-demand in abbonamento mensile, affermato da Netflix e ora imitato in Europa – dice Augusto Preta (direttore ITMedia Consulting) -. Si è rivelato vincente rispetto al modello gratuito sostenuto dalla pubblicità o a quello a consumo, come su iTunes, perchè è conveniente: con tariffe flat, da 8 a 11 euro, il consumatore ha una scelta illimitata da grandi cataloghi online. La differenza rispetto agli Usa è che in Europa i diritti televisivi sono blindati dai broadcaster nazionali e dalle PayTv, che cercano ora di controllare il passaggio alla Tv da internet per non perdere il loro business principale“.

Fonte: Il Corriere Economia