Nei giorni scorsi l’Istat ha pubblicato i dati dell’indagine sul rapporto degli italiani con le nuove tecnologie.
Se si esclude il televisore (ormai presente nel 96,3% delle famiglie), per l’informazione e la comunicazione l’oggetto tecnologico più usato è il cellulare (91,6%) cui seguono il decoder digitale terrestre (67,1%), il lettore DVD (63,2%), il personal computer (58,8%) e il videoregistratore (48,7%). L’accesso a Internet è disponibile nel 54,5% delle famiglie, ma solo il 45,8% possiede una connessione a banda larga.

Ancora solo una minoranza possiede  l’antenna parabolica (36,4%), il cellulare abilitato alla trasmissione di immagini e di dati (33,1%), la videocamera (28,3%) e la consolle per videogiochi (21,1%). Rispetto al 2010 cresce la quota di famiglie che nel 2011 possiede un personal computer (dal 57,6% al 58,8%), l’accesso a Internet (dal 52,4% al 54,5%) e una connessione a banda larga (dal 43,4% al 45,8%).

Fonte: rielaborazione APT da SIAE.it