Nel 1986 uscì il kolossal diretto da Jean-Hacques Annaud con Sean Connery nei panni di Guglielmo da Baskerville. Il nome della rosa di Umberto Eco, bestseller da cui è stato tratto il film – con la scenografia fantastica di Dante Ferretti – diventato un classico, vive una nuova vita. La Rai prepara una miniserie dal libro di Eco, con la benedizione dello scrittore: “Il nome della rosa è un romanzo troppo complesso per essere raccontato da un film, meglio una serie” ha spiegato. I diritti sono stati acquisiti dalla 11 Marzo Film del produttore Matteo Levi, associato APT, e la Rai sta mettendo in cantiere la miniserie che sarà suddivisa in sei puntate. Ancora non si sa chi sarà il regista e non è stato scelto il cast, il confronto col film sarà inevitabile. La sceneggiatura è stata affidata a Andrea Porporati, che ha firmato, tra gli altri lavori, Lamerica con Amelio, varie edizioni della Piovra, la storia di Bartali. Il progetto dovrebbe entrare in produzione l’anno prossimo: ”Lavorare al racconto televisivo seriale dal romanzo di Eco, che è il testo italiano più diffuso nel mondo negli ultimi 50 anni è una grande sfida” ha commentato Porporati.

Fonte: La Repubblica