Con una delibera pubblicata nei giorni scorsi sulla Gazzetta Ufficiale, parte la consultazione pubblica sullo schema di provvedimento per l’assegnazione delle frequenze (ex beauty contest) messo a punto da Agcom. La consultazione pubblica durerà 30 giorni; dopodiché Agcom elaborerà un documento che sarà presentato alla Commissione Europea, che avrà a sua volta un mese per valutare il dossier ed esprimere il proprio parere. L’approvazione di Bruxelles è fondamentale per chiudere la procedura di infrazione aperta nei confronti dell’Italia. Se il parere sarà favorevole, il provvedimento tornerà all’Agcom, che lo girerà al Ministero dello Sviluppo Economico, cui spetta l’approvazione definitiva del regolamento di gara. Infine, dopo il via libera del Mise (che richiederà qualche settimana), il documento definitivo sarà sottoposto al Parlamento.
(fonte: corrierecomunicazioni.it)