FremantleMedia: Andrea Scotti a capo della divisione Branded Entertainment
5 novembre 2013

FremantleMedia: Andrea Scotti a capo della divisione Branded Entertainment

FremantleMedia Italia, casa di produzione dell’associato APT Lorenzo Mieli, investe nel branded entertainment creando una divisione composta da professionisti del settore televisivo e pubblicitario, interamente dedicata alla collaborazione con broadcaster, centri media, agenzie pubblicitarie, concessionarie e aziende per la creazione e realizzazione di contenuti multipiattaforma branded.
Una scelta – spiega una nota della società – che risponde ai cambiamenti profondi che stanno attraversando il mercato televisivo e quello pubblicitario, con la progressiva marginalizzazione dei palinsesti lineari e il radicale cambiamento nelle forme di consumo del prodotto televisivo. Una tendenza in atto che i principali player del settore hanno compreso e alla quale stanno adeguando le strategie di investimento in marketing e pubblicità. In questo nuovo scenario – continua la nota – diventa cruciale l’abilità nell’integrare i brand in prodotti di intrattenimento pensati a 360 gradi tra televisione, piattaforme digitali, social media, attività off air.
La neonata Divisione Branded Entertainment di casa FremantleMedia ha messo a segno le prime produzioni italiane di branded entertainment puro, ossia di advertiser-funded production: programmi televisivi di intrattenimento, complementari a strategie digitali innovative, interamente finanziate da investitori pubblicitari. Non si tratta più di inserire solo un brand in un programma, ma di costruirgli un mondo narrativo intorno. Le aziende dunque diventano editori senza andare in concorrenza con i tradizionali broadcaster, ma offrendo loro valore aggiunto.
In linea con le nuove innovative forme di produzione alla guida di FremantleMedia Branded Entertainment è stato nominato Andrea Scotti, a diretto riporto del direttore generale Gabriele Immirzi, che lavorerà a stretto contatto con un gruppo di giovani professionisti provenienti dal campo della televisione e della pubblicità in grado di leggere e interpretare i cambiamenti sempre più veloci del mercato televisivo e pubblicitario.

Fonte: Prima Online