Dopo le battaglie legali con Google e Youtube Mediaset torna in tribunale contro il portale IOL – Italia on line S.r.l. (meglio conosciuta come Libero.it).

La RTI (Reti Televisive Italiane) S.p.A. ha chiesto la rimozione, dal portale IOL, di contenuti audio/video caricati dagli utenti relativi alla fiction I Cesaroni e alle trasmissioni televisive Grande Fratello e Amici. Il Tribunale di Milano ha accolto la richiesta, condannando IOL per violazione del diritto d’autore e fissando una penale di 250 euro per ogni video e per ogni giorno di illecita diffusione. La sentenza prevede inoltre di impedire l’accesso a tutti i file in contestazione.
Ciò che ha incastrato IOL non è tanto la pubblicazione quanto la mancata rimozione dei contenuti “incriminati”. Mediaset infatti, aveva denunciato la presenza dei contenuti protetti con una apposita diffida, chiedendone la rimozione, il tribunale, constatando che IOL non aveva intrapreso nessuna iniziativa per accontentare Mediaset ha dichiarato il portale “dolosamente inadempiente agli obblighi di diligenza su di essa incombenti, pur avendo avuto contezza del contenuto illecito di materiali inviati da utenti”.

Fonte: rielaborazione APT da loudvision.it