La ricerca sui dati Auditel degli studenti di linguaggi dei media dell’Università Cattolica presentata nel corso del Festival dell’immaginario di Perugia ha evidenziato un calo costante degli ascolti delle principali tv generaliste italiane ed anche alcuni errori nella scelta del campione auditel.

Secondo l’indagine, dal 2000 a oggi le reti Rai e Mediaset hanno perso il 20% del loro pubblico, il 4% solo nel corso del 2011. Un calo costante dovuto allo sviluppo dei canali satellitari e delle altre reti generaliste.

Per quanto riguarda il campione Auditel lo studio rileva che è stato sovrastimato il pubblico poco istruito: la popolazione con la sola licenza elementare è pari al 30% del campione, contro il 20% risultate dalle rilevazioni Istat. Allo stesso tempo, i laureati contano per il 5,5% contro l’8% fotografato da Istat.

Secondo lo studio sta inoltre crescendo l’evasione del canone, dal 25% del 2006 al 43% (l’87% nel sud), mentre in Europa il tasso di evasione è pari all’8%, nonostante il canone sia spesso più gravoso.

Fonte: rielaborazione APT da E-Duesse<