Dopo e nonostante le tante mobilitazioni del popolo della rete, l’Agcom ha approvato, oggi 6 luglio, lo schema di regolamento sul diritto d’autore. Lo schema ha ricevuto i voti di tutti i Commissari tranne quelli del Commissario Nicola D’Angelo e l’astensione del Commissario Michele Lauria.
Il regolamento permetterà una procedura veloce per rimuovere dalla rete i contenuti che violano il copyright in caso di siti italiani e l’inibizione in casi di siti esteri all’accesso dei cittadini italiani che verranno segnalati ai provider italiani.
L’unico risultato delle tante proteste sembra essere l’estensione del periodo di contraddittorio, che seguirà la segnalazione di un’infrazione del copyright, da 5 a 15 giorni.
L’Autorità inoltre invierà una segnalazione al Governo relativa a possibili estensioni di poteri al fine di poter esercitare direttamente poteri inibitori.
Il testo verrà ora posto in consultazione per un periodo di 60 giorni.

Fonte: rielaborazione APT da lastampa.it