Continuano i lavori della Commissione Parlamentare di Vigilanza sull’atto di indirizzo sul pluralismo, che la scorsa settimana si è arricchito di due nuovi articoli. L’articolo 17 che prevede «precise sanzioni in ordine all’attendibilità e alla qualità delle notizie diffuse», e il 19 che non consente, per due anni dalla fine del mandato, «la conduzione di programmi di approfondimento in Rai a chiunque abbia assunto ruoli politici nazionali».

Resta ancora bloccato l’articolo 16, una delle norme più contestate dell’Atto di indirizzo sul pluralismo in Rai all’esame della Vigilanza: quello sull’alternanza dei conduttori e dei talk negli spazi dedicati ad approfondimento in prime time.

Fonte: rielaborazione APT da E-Duesse