Il VicePresidente dell’APT, Carlo Degli Esposti,  ieri, a margine della presentazione della fiction di Canale5 ‘I cerchi nell’acqua’ prodotta dalla Palomar, ha trovato occasione di parlare della situazione del settore audiovisivo, in vista dell’audizione dell’APT in Commissione di Vigilanza tenutasi anch’essa ieri (leggi il comunicato APT).

”Stiamo a discutere ore e ore – ha detto Degli Esposti – sugli 80 mila lavoratori Fiat quando il mercato dell’audiovisivo che ha subito una contrazione come nessun altro settore, stringendo proprio all’osso, conta 150 mila addetti. Tra tagli Rai, tagli Mediaset e l’impossibilita’ di fare sviluppo distruggiamo anche l’immagine dell’Italia all’estero, quando con una legislazione equa il nostro settore potrebbe avere una crescita del 300 per cento e occupazione per mezzo milione di persone. Ma purtroppo sono accordi che non sanno fare.”

“Il nuovo governo – ha concluso Degli Esposti – dovrebbe mettere ai primi tre posti del suo lavoro la ricerca, il turismo e l’audiovisivo e solo dopo discutere tutto il resto”.

Fonte: rielaborazione APT da blit