T.I.Media, uno dei partecipanti all’asta relativa all’assegnazione dei cinque multiplex per la televisione digitale terrestre, ha deciso di impugnare poresso il Tribunale amministrativo del Lazio, il bando stesso contestando alcuni punti del disciplinare di gara.
La protesta e’ legata alla delibera Agcom che ha collocato T.I.Media tra i partecipanti all’assegnazione delle frequenze del blocco B in competizione con Mediaset e Rai.
Una sfida impari che rischia di lasciare il gruppo che fà capo a La7 a bocca asciutta, in virtù del fatto che i multiplex offerti sono solo due, mentre tre sono i competitor.
Tutto si decidera’ entro il 6 settembre, termine ultimo fissato dal dicastero guidato da Paolo Romani per la presentazione delle domande.

Fonte: rielaborazione APT da Dowjones