“È molto probabile che le operazioni” per la gara sulle frequenze televisive “finiscano per chiudersi all’inizio del 2014, salvo sorprese”. Lo ha indicato il Viceministro dello sviluppo economico Antonio Catricalà in audizione alla commissione Lavori pubblici del Senato, precisando che “finché non avremo un preventivo assenso dalla Commissione Ue non potremo procedere ed è molto probabile che della questione se ne debba riparlare dopo la pausa estiva”. A margine dell’audizione ha poi puntualizzato: “non autunno inoltrato, a settembre”. Catricalà ha sottolineato in commissione: “Tenuto conto che, dal momento della condivisione del bando e la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dovrà trascorrere almeno un mese per la presentazione delle domande di partecipazione, almeno un altro per la verifica delle stesse, più un altro ancora per l’avvio effettivo della gara, è molto probabile che le operazioni finiscano per chiudersi all’inizio del 2014″.

Fonte: Key4Biz