Mario Rossini, Amministratore Unico della RED FILM, nasce a Roma l’8 luglio 1961. Inizia la sua carriera nel 1981, cimentandosi nella produzione di vari documentari come co-autore e regista e dagli anni ’90 in poi come produttore confeziona fiction tv per la Rai, occupandosi di temi sempre attuali e di impegno civile.

Predilige storie con un forte sapore di verità e raccontate con rigore e un pizzico di finzione e romanzo, ingredienti indispensabili al racconto televisivo. Le fiction prodotte affrontano tematiche e contenuti molto attenti al sociale e al mondo degli adolescenti, dallo sfruttamento e alle violenze sui minori, alla mafia, alla condizione degli ebrei nel periodo del Nazismo.

Uno stile netto e inconfondibile, una linea editoriale unica nel panorama produttivo italiano, una qualità e un’attenzione a tutti i livelli della produzione, che, anno dopo anno,  hanno reso i prodotti della Red Film dei successi straordinari in Italia e anche nei mercati internazionali.

Nel 2001 matura l’idea della fortunata serie TV Un caso di coscienza, arrivata alla sua quinta stagione, e con in cantiere anche la sesta serie, che ha riscosso così tanto successo in USA che il broadcaster americano, la MHz Networks, acquista le quattro serie, l’Home Video per USA e Canada, e i diritti Free Tv per tutto territorio USA. È la prima volta che una serie italiana, sottotitolata in inglese, venga venduta in Usa e che la programmazione riscuota tanto successo.

Sempre attento all’attualità e al sociale, le sue idee nascono dalla quotidianità, dalle cronache più significative e dai personaggi che hanno segnato la storia del nostro Paese, come la fiction Don Zeno, l’uomo di Nomadelfia, su don Zeno Saltini, padre fondatore della comunità di Nomadelfia, o con Exodus, il sogno di Ada, tratto dall’opera letteraria di Ada Sereni I clandestini del mare, sugli ebrei in fuga, e l’ultimissimo K2, la montagna degli italiani, in cui si narrano le gesta che hanno segnato un’epoca, nel ’54, di dodici alpinisti alla conquista del K2.

Non mancano i remake di celebri opere letterarie (classici) come Il piccolo Lord e Il ritorno del piccolo Lord, Belami.

Oltre ai successi nella fiction televisiva, Mario Rossini produce nel 2007 per il cinema il film L’uomo di vetro, tratto dall’omonimo libro di Salvatore Parlagreco, che narra la storia del primo pentito di mafia negli anni ’70, e che lo condurrà verso il baratro, prima in una cella piccolissima, poi in un manicomio criminale, e infine libero, verso le dure leggi della mafia. Il film è diretto con maestria da Stefano Incerti, con David Coco, Tony Sperandeo, Anna Bonaiuto, Ninni Bruschetta, e riscuote parecchi premi e riconoscimenti, per citarne alcuni: il Premio speciale per la sceneggiatura a Heidrun Schleef e Salvatore Parlagreco alla 53° edizione del Taormina Film Fest 2007, il Gran Premio della Giuria per Miglior Film e Miglior interpretazione Maschile (a David Coco) al 20° Festival du Cinéma Italien de Bastia 2008, il Premio Miglior attore protagonista maschile a David Coco al Annecy Cinema Italien 2007 etc.

Da anni la Red Film si occupa anche della distribuzione, attraverso l’utilizzo e lo sfruttamento della Library RKO, che costituisce ancora oggi un patrimonio filmico di grande valore e che contiene alcuni dei più classici come Citizen Kane, King Kong e Fort Apache che hanno reso grande l’industria cinematografica americana dal 1936 al 1960.

Inoltre si occupa di acquisire prodotti dal mercato internazionale e distribuirlo, qui in Italia, curandone l’edizione. Come la serie francese Section de Recherches (titolo italiano Sulle tracce del crimine) o del film cinematografico Tous les soleils (titolo italiano Non ci posso credere) e altri importanti film di Library italiana ed estera