21 febbraio 2014 – Sottolineiamo l’attenzione nuova che il Ministro Bray ha avuto verso i problemi dell’audiovisivo, e la convinzione che ha mostrato del ruolo importantissimo che questa industria di produzione può svolgere per la crescita economica e civile del Paese.

L’APT e l’ANICA auspicano che questo approccio continui e si estenda nell’azione del nuovo Governo, verso un ridisegno del sistema delle comunicazioni che da un lato assicuri lo sviluppo di tutti i media, dall’altro ponga al centro il ruolo dell’industria di produzione dei contenuti.