Torna l’appuntamento con MIA – Mercato Internazionale Audiovisivo a Roma dal 17 al 21 ottobre. Ideato, realizzato e prodotto da Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche e Audiovisive) e Apt (Associazione Produttori Televisivi) giunge quest’anno alla quarta edizione, confermandosi appuntamento per i grandi professionisti internazionali, oltre che volano per promuovere il sistema audiovisivo e il territorio italiano.

Anche quest’anno MIA si svolgerà nel ‘Distretto Barberini’, tra Palazzo Barberini, Cinema Barberini, Cinema 4 Fontane e Hotel Bernini Bristol, dove si articoleranno una serie di eventi, tra i quali il Co-production Market e Pitching Forum, piattaforma per sceneggiatori, registi e produttori per presentare e cercare il partner giusto di co-produzione per i loro progetti.

Oltre agli incontri dedicati ai sales & buyers, ci sarà spazio anche per le presentazioni di nuovi prodotti audiovisivi, con 4 programmi speciali di cui ben 3 dedicati all’Italia. La sezione MIA|Cinema riproporrà ‘What’s next Italy’, dedicato ai film italiani in uscita nel 2019 cui si aggiunge, da quest’anno, un’opportunità che viene estesa a tutta Europa, ‘C eu soon’: un approfondimento sui nuovi talenti europei con lo scopo di scoprire e lanciare i titoli emergenti più promettenti del prossimo anno.
Per i produttori televisivi italiani la possibilità di alcuni dei titoli più rilevanti, ancora in fase di sviluppo e/o in produzione in un appuntamento esclusivo di MIA|TV: GreenLit.
MIA|DOC, arricchisce poi le occasioni dedicate all’approfondimento dei contenuti nazionali dedicando Italinas Doc It Better ai documentari italiani di maggiore successo, presentati in uno showcase esclusivo.

MIA è finanziato da Ministero dello Sviluppo Economico, Ice, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lazio, e dal programma Media. Tra i partner la Fondazione Cinema per Roma e il Fondo Eurimages del Consiglio d’Europa. Nel comitato editoriale, oltre ad Anica e Apt anche 100 Autori, Agci, CartoonIT, CNA, Italian Film Commissions, L.A.R.A. e UNEFA.