News

VOD: un settore in crescita costante

Nell’ultimo Report su “On-demand Services Business Models: Video, Games & Over-the-Top – 2011 edition”, IMS Research analizza lo sviluppo del mercato del Video on Demand (VOD) e prevede future tendenze e guadagni per i 30 maggiori Paesi dell’Europa e dell’America del Nord. Secondo le stime di IMS Research il settore è in netta crescita: nel 2010 il VOD ha generato 1,98 miliardi di dollari di entrate nell’America del Nord mentre in Europa è arrivato a totalizzare 1,11 miliardi. I due mercati insieme rappresentano 46,1 milioni di famiglie che usano i servizi di video on demand. Le previsioni per il prossimo quinquennio dicono che  l’America del Nord continuerà a guidare il comparto mondiale con il 33,1% dei ricavi, seguita dall’Europa occidentale con il 30,5% e dall’Asia pacifica con il 25,7%. Nel 2016 i cinque Paesi che guideranno il mercato VOD in termini di entrate saranno Stati Uniti, Giappone, Canada, Regno Uniti e Corea del Sud con gli USA che rappresenteranno da soli un quarto del settore. Fonte: rielaborazione APT da...

Read More

Cda RAI: fumata bianca per i palinsesti.

Dopo tante fumate grigie arriva, in data odierna, l’approvazione del palinsesto Rai per il periodo di garanzia autunnale 2011. Il Direttore Generale, Lorenza Lei, ha proceduto alla presa d’atto (8 favorevoli – 1 astenuto)  della votazione del Cda dell’azienda. C’è quindi il via libera della dirigenza ai tanto discussi programmi di Raitre di Fabio Fazio, Giovanni Floris, Milena Gabanelli e Serena Dandini, resta ora da trovare un accordo con gli interessati e da far firmare i contratti, poi, il 20 giugno, ci sarà la presentazione ufficiale del palinsesto agli inserzionisti. Il prossimo Cda è convocato per giovedì alle 10,30 e potrebbe avere, all’ordine del giorno, il pacchetto di nomine bloccato prima delle amministrative per mancato accordo nella stessa maggioranza. Fonte: rielaborazione APT da fonti varie (Rainews24,...

Read More

Pubblicità Tv: comincia la ripresa.

Secondo alcune stime dell’Istituto di ricerca Nielsen pubblicate dal settimanale “Il Mondo”, si avrà una ripresa del settore della pubblicità televisiva nei prossimi trimestri, che porterà ad un sostanziale pareggio nell’anno solare 2011 (-0,1 rispetto al 2010) ed ad una incoraggiante crescita (+4,5%) per l’anno 2012. Si tratta di notizie più che positive che arrivano dopo i preoccupanti dati negativi registrati nei primi mesi del 2011 che parlavano di una flessione del 3,2% tra gennaio e marzo. Per quanto riguarda il settore televisivo, secondo l’Istituto Nielsen, i fattori trainanti della ripresa saranno la crescita di internet, della direct mail e delle tv digitali. Fonte: rielaborazione APT da...

Read More

Annullato il CDA Rai del 9 giugno

Il CDA Rai che si sarebbe dovuto tenere ieri pomeriggio è stato annullato per mancanza di numero legale. Il DG Lorenza Lei ha potuto solo constatare l’assenza dei cinque consiglieri Rai espressi dalla maggioranza di Governo e dichiarare annullata la seduta che è stata rinviata a lunedì 13 giugno alle 11,30 con lo stesso ordine del giorno. Si tratta di un ennesimo slittamento per l’approvazione definitiva del palinsesto autunnale e per le nuove nomine dirigenziali. Fonte: rielaborazione APT da fonti varie (Corriere della Sera,...

Read More

Il World Copyright Summit 2011

Si  è svolto a Bruxelles tra il 7 e l’8 giugno il World Copyright Summit 2011. Create, Connect, Rispect, l’evento internazionale riguardante lo stato dell’arte del diritto d’autore nell’era del web e del digitale. Al summit organizzato dal CISAC (International Confederation of Societies of Authors and Composers) hanno partecipato 700 rappresentanti di 332 imprese e organizzazioni di 57 paesi con 36 sessioni di lavoro e 131 relatori. Il Presidente della Cisac Robin Gibb nel suo discorso di chiusura ha espresso la sua felicità per la buona riuscita dell’evento e il suo ottimismo sul futuro del diritto d’autore, ricordando con favore la dichiarazione della Commissione europea che ritiene la proprietà intellettuale “nelle sue differenti forme e aspetti un punto chiave dell’economia europea”. Gibb ha aggiunto che il futuro dell’industria creativa può essere positivo “se coloro che controllano, licenziano e utilizzano i nostri diritti cominceranno ad adottare una strategia a lungo termine. Andare in cerca di vantaggi commerciali individuali a breve termine non costruisce un modello sostenibile che assicuri un futuro sano alla creazione”. Le Direttive europee non possono risolvere tutti i problemi per la cui soluzione devono impegnarsi tutti gli attori sociali fra cui anche “le società di autori e i loro membri che devono cooperare per aumentare l’efficienza e diminuire i costi”. Fonte: rielaborazione APT da...

Read More