News

Publispei adatta ‘Fiori sopra l’inferno’

‘Fiori sopra l’inferno’, opera prima della friulana Ilaria Tuti (edizioni Longanesi) diventerà una serie tv grazie a Publispei. La società di produzione guidata da Verdiana Bixio ne ha acquistato i diritti per realizzare una coproduzione internazionale. Il romanzo, già stato venduto in 22 Paesi, è un thriller ambientato in un piccolo paese delle Dolomiti friulane, Travenì, dove lavora il commissario Teresa Battaglia: «Non è un semplice personaggio ma una donna che entra nell’anima, una persona coraggiosa capace di andare oltre le proprie fragilità e paure come solo le donne sanno fare. Abbiamo scelto di lavorare su questo soggetto perché rappresenta l’essenza stessa del nostro modo di essere, di come andrebbero affrontate con forza e determinazione le difficoltà che la vita ci pone di fronte», ha dichiarato la presidente di Publispei, Verdiana Bixio. Fonte:...

Read More

Calabria, approvato il testo della legge sugli interventi per il cinema e l’audiovisivo

Con l’approvazione del testo della legge “Interventi regionali per il sistema del cinema e dell’audiovisivo in Calabria”, avvenuta nella seduta della Giunta Regionale di ieri, giovedì 8 febbraio, la Regione Calabria si pone, recuperando accumulati negli anni, come territorio all’avanguardia nella sperimentazione e adozione di politiche che hanno nella cultura il baricentro di percorsi di sviluppo sociale ed economico. Con la nuova legge regionale sul cinema, per la cui stesura e definizione, al fine di porre in essere degli interventi in linea e coordinati con il nuovo assetto legislativo nazionale, si è aspettata la pubblicazione dei decreti attuativi della Legge nazionale del 14 novembre 2016, n. 220 “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”, la Calabria si dota di uno strumento, agile ed efficace, capace di capitalizzare, già nel breve termine, le opportunità offerte dal settore cinematografico. Il testo di legge non trascura alcun aspetto della complessa filiera interessata e regola gli interventi regionali dalla formazione al cineturismo, dalla cura e attenzione per le sale cinematografiche e i cine-circoli agli operatori a diverso titolo impegnati nella filiera. L’obiettivo è quello di attrarre sul territorio regionale le produzioni nazionali ed internazionali e consolidare nel contempo il comparto audiovisivo locale, creando le condizioni per porre in essere delle progettualità nel lungo periodo. “L’adozione della legge regionale sul cinema è la nuova tappa di un percorso- ha affermato il Presidente Mario Oliverio- iniziato con...

Read More

Berlino 2018: lo stand Italia Pavilion

Nell’ambito del Festival di Berlino che si svolgerà dal 15 al 25 febbraio, anche quest’anno sarà realizzato un padiglione italiano con il contributo del MIBACT, MISE/ICE, ISTITUTO LUCE e ANICA, e vedrà presenti alcuni Sales Internazionali, tra i quali Fandango – Filmexport Group – Intramovies – True Colours – Variety Communications. Saranno inoltre presenti Enti ed Associazioni nazionali, quali: APT, Centro Sperimentale di Cinematografia, Doc It, Fondazione Ente Dello Spettacolo, Festa del Cinema di Roma, Italian Film Commission, Centro Nazionale del Cortometraggio, Europa Creativa Desk Italia, MIA-Mercato Internazionale Audiovisivo, RAI Cinema, SNGCI, SNCCI, UNEFA, Otto e Mezzo e Cinecittà News. Lo spazio sarà a disposizione da giovedì 15 a giovedì 22 Febbraio dalle 9.30 alle 18.30 e venerdì 13 febbraio dalle 9:00 alle 13:00. Vi ricordiamo che l’accesso al Martin Gropius Bau sarà consentito solo tramite badge. Presso lo stand sono a disposizione: – un desk info point – una hostess – un corner bar – tavoli per effettuare incontri B2B che saranno utilizzati a rotazione e su prenotazione per tutta la durata della manifestazione. Gli interessati sono pregati di comunicare le date e orari dei meeting scrivendo a: business_berlino@libero.it. Vi informiamo inoltre che la Società Stelci & Tavani, è il trasportatore accreditato per la logistica presso l’Italia Pavilion, qualora vi sia necessario trasportare delle merce per e da Berlino potete contattare direttamente il numero +39 06 7232040 oppure...

Read More

APT avvia la ripartizione del compenso di copia privata per gli anni 2012-2013-2014 e 2015

L’APT , quale ente maggiormente rappresentativo delle imprese attive nella produzione audiovisiva nazionale, individuata dalla Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) – con accordo del 2 novembre 1998, successivamente novato in data 21 luglio 2016 – quale soggetto titolato a provvedere alla ripartizione della quota del compenso per la riproduzione privata di videogrammi ai sensi degli articoli 71-sexties e seguenti della legge 22 aprile 1941, n. 633 (il c.d. compenso per copia privata video) comunica di avere avviato la ripartizione dei compensi per copia privata, versati da SIAE e di competenza degli anni 2012, 2013, 2014 e 2015. La ripartizione dei compensi avverrà in applicazione dei parametri riportati nel “Collegato Tecnico” di cui all’allegato A del “Regolamento di ripartizione dei diritti di copia privata video”, approvato dall’Assemblea dell’APT con delibera del 3 ottobre 2017, consultabile su questo sito. Per l’elenco delle opere audiovisive ammesse al compenso di copia privata e individuate sulla base dei predetti parametri si può confrontare il documento pubblicato nella sezione del sito “Cosa facciamo – Copia Privata – Compensi 2012-2015”. Gli aventi diritti al compenso per copia privata ovvero i produttori originari delle opere audiovisive indicate nell’elenco suddetto – e i loro eventuali aventi causa – nonché le organizzazioni di gestione dei diritti o i mandatari ai quali gli aventi diritto abbiano conferito apposito mandato, devono presentare specifica istanza all’APT alfine di ricevere la...

Read More

Muccino, 7,5 min sul film che sarà anche una serie

Lotus Production (una società di Leone Film Group), con Rai Cinema e in associazione con 3 Marys entertainment, hanno predisposto un budget da 7,5 milioni di euro per il nuovo film di Gabriele Muccino, ‘A casa tutti bene’, in uscita il 14 febbraio in oltre 500 sale. Un investimento importante e non usuale per il cinema italiano, abituato a barcamenarsi con risorse molto più scarse. D’altronde la bella pellicola corale di Muccino (una sorta di Compagni di scuola di Carlo Verdone, ma 30 anni dopo), anche lui tornato a casa dopo i 12 anni negli Usa, ha raccolto un cast che da solo ha assorbito la gran parte dei costi: Stefano Accorsi, Carolina Crescentini, Elena Cucci, Tea Falco, Pierfrancesco Favino, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Sabrina Impacciatore, Gianfelice Imparato, Ivano Marescotti, Giulia Michelin, Sandra Milo, Giampaolo Morelli, Stefania Sandrel, Valeria Solarino e Gianmarco Tognazzi. In pratica, il 50% degli attori italiani. E, come anticipato dallo stesso Muccino, il film potrebbe pure diventare una serie tv. In effetti è questa l’ultima frontiera delle produzioni cinematografiche (vedere ad esempio quanto accaduto alla pellicola Immaturi, diventata una serie su Canale 5, o a Suburra, o a Gomorra), ovvero trovare dei soggetti che si prestino a brand extension seriali da provare a vendere sia ai grandi broadcaster televisivi, sia alle piattaforme in streaming tipo Netflix, Amazon Prime video o, prossimamente, Hulu. Per Muccino, come...

Read More